La civetta od il libro di ginnastica ? Arduo dilemma. Stamattina ho sentito come il verso di un fagiano, mentre scendevo le scale per preparare la colazione. Pallino, il gatto di casa, al solito miagolava la sua accoglienza. Il verso mi e’ sembrato provenire dalla sala giochi, ottenuta in quella parte centrale delle vecchie case di campagne, quella che davanti aveva un portone, e che solitamente serviva da rimessaggio per i trattori e da collegamento con il fienile. La porticina era aperta. Sono entrato ed ho acceso la luce. Non c’era niente di particolare. Ho cominciato a guardare in giro, lo stanzone e’ molto ampio, circa 50 mq. Poi d’improvviso, un frullio d’ali e spaventata e’ apparsa la civetta. Le ho chiesto cosa cavolo ci facesse qui dentro, ma non mi ha risposto (le civette sono un po’ altezzose). Ha cominciato a svolacchiare sbattendo sui vetri sopra il portone. Ho deciso di aprire il portone, ed un’aria gelida e’ penetrata dall’esterno. Mi sono voltato, e la civetta non c’era piu’. Non era uscita, di questo ero certo. Ho cominciato a cercarla, e l’ho trovata solo perche’ muovendosi faceva un po’ di rumore. Era andata a nascondersi sotto un armadio. L’ho delicatamente pungolata con un bastone, e lei e’ tornata a sbattere contro i vetri, malgrado il portone spalancato. L’ho disturbata ancora e finalmente e’ atterrata e dopo un attimo, ha preso la via verso la campagna alzandosi in un volo stentato. Il caro Pallino era tornato a curiosare e non ha mancato di allungargli una zampatina, per fortuna andata a vuoto. L’unico modo per cui possa essere entrata e’ la porticina basculante del gatto. Al che mi viene da pensare che l’abbia portata dentro lui e poi lei gli sia sfuggita. Ma sono solo prove indiziarie. Nessuna prova certa. Mi sa che devo archiviare il caso.<br />
Ma voi lo sapevate che esistono il libri di ginnastica ? (libro di testo di prima media, costo 12,5 euro).<br />
<br />
<img align=”cssCenter” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2007/09/d01a8bf84de3c91a58c158569b9817f2.jpeg&#8221; style=”margin: 0px auto 10px; display: block; text-align: center;” alt=”” />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

10 risposte a

  1. anonimo ha detto:

    non ne ho mai visto una da vicino, devono essere molto belle.
    bravo pallino! :))))

  2. giarina ha detto:

    qui abbiamo civette barbagianni e allocchi. anche sotto forma umana. tanti.
    i gufi non li ho visti, ma ci son sicuramente.

    non comperarlo il libro di ginnastica. è una vergogna.

  3. metallicafisica ha detto:

    A Mary la sala giochi è piaciuta tantissimo… ma il libro di ginnastica è per i genitori o per gli alunni?:)*****

    ps: Mary è un po’ civetta, sai? ma Pallino le ha fatto solo le fusa:PPP

  4. Scic ha detto:

    titolo: il gatto e la civetta (di sysjena).

  5. sysjena ha detto:

    WHATH. Come tutti gli animali schivi vederli dona emozione…almeno a me…(Pallino mangia a sufficienza…dovrebbe esimersi da simili atti…;-)) )
    GIARINA.Anche tordi…? ;-))) L’ho gia’ comprato…ma e’ una vergogna…
    SAB. Pallino e’ molto pragmatico e si fida delle apparenze. Mi ricordo che Mary non si staccava dal tavolo da ping-pong 🙂
    SCIC. Il gatto, la civetta ed il restauratore….;-)))

  6. Barba ha detto:

    Quant’è bella la natura! Dall’orto guardo verso l’Adige e vede delle anatre (o germani non so bene). Qualche volta mi attraversa la strada qualche leprotto ma lo spettacolo più bello sono le poiane. Quando sento il loro grido tipico alzo gli occhi sopra il costone oltre il fiume e loro sono la a volteggiare ed a cacciare, maestose. Quando guardo il loro volo è come se mi battessero il tempo. Un tempo lento, maestoso, che sà di antico.

  7. sysjena ha detto:

    BARBA. Anche a me piace un sacco lo stridio delle poiane. Ma anche i Picchi mi emozionano molto, e non capisco perche’…;-)

  8. metallicafisica ha detto:

    ah, era il tavolo da ping?:)*

  9. timeline ha detto:

    A me è capitato un pipistrello in camera delle ragazze…un’esperienza traumatica 🙂

    Blue

  10. Barba ha detto:

    Andrea quando sono in mezzo alla natura, nei boschi, specialmente, mi da un fastidio enorme la gente che sciama schiamazzando, chiamandosi, fischiando, magari portandosi la radiolina per sentire la partita. E’ un pò come se uno andasse al concerto e intorno ci fosse bailame. Non posso sentire il legno degli alberi che scricchiola sotto l’azione del vento, il rumore dell’acqua del ruscello, le foglie che si muovono al passare di qualche capriolo che è stato lì a guardarmi senza che quasi me ne sia accorto. Quanti rumori, anzi, quanta melodia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...