E ci risiamo con il cambio di stagione. Mucchi e mucchi di vestiti che riemergono dagli armadi dei piani altissimi e riscendono pronti per fornire la copertura per i mesi a venire. L’estate viene riposta, e molti capi si chiedono se saranno utili anche l’anno prossimo, o se invece al ritorno del caldo conosceranno un destino diverso. I gradi di &quot;condanna&quot; sono 4. C’e’ il riciclo, i vestiti che non vanno piu’ bene, sono ancora in condizioni decenti, e si passano ad amici o parenti, che ne facciano quello che credono. Ci sono i frati. Allora il sacco e’ informe, ed i vestiti vanno incontro ad un destino assolutamente non preventivabile, ma questa imprevedibilita’ riempie gli abiti di una sensazione di attesa non disprezzabile. Sanno che portranno essere ancora amati. Poi c’e’ la Caritas. Qui c’e’ un po’ piu’ di tristezza. Non sanno per quanto giaceranno al freddo in contenitori metallici, e qui il destino puo’ anche essere definitivo. Ma c’e’ il sottofondo morale che regala all’indumento una sorta di spirito solidale. Infine c’e’ l’eliminazione. Questo e’ il terrore puro. Se l’indumento e’ fortunato puo’ diventare uno straccio da spolverare. In caso contrario, nella migliore delle ipotesi, entrera’ nella raccolta differenziata.<br />
<br />
<img align=”cssCenter” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2007/10/980801426.jpg&#8221; style=”margin: 0px auto 10px; display: block; text-align: center;” alt=”” />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

12 risposte a

  1. Scic ha detto:

    la triste fine del vestito. ci protegge dal freddo e guarda che fine. 🙂

  2. iloverome ha detto:

    Questo post si potrebbe intitolare”Le complesse fasi della vita di un vestito”.. 🙂 Io non sono ancora arrivata al cambio di stagione…prima dovrei pulire la camera e buttar via le cose inutili…ma che noia!!!! Buona rassettamento!

  3. metallicafisica ha detto:

    Le scarpe… non ce la faccio mai a separarmi da esse… è più forte di me.

    Per il resto, bustoni da destinare alla Caritas o ad associazioni simili*

  4. anonimo ha detto:

    ho un pessimo rapporto coi vestiti proprio per questi motivi, e dopo. dopo che c’è?

  5. anonimo ha detto:

    Les vêtements sont comme les chats, ils ont plusieurs vie.
    Un gros bisou à Pallino

  6. Barba ha detto:

    Scusa ma che tipo di vestito porta la signora dell’immagine? A parte gli scherzi io soffro sempre di trauma da cambio di stagione. Visto che ho la tendenza di far arrabbiare la bilancia temo sempre il momento della verifica. Questo no, questo no, quento no, questo forrrrsseeee tirando in dentro la pancia, uffa per fortuna almeno questo ….

  7. ezraz ha detto:

    mai sentito parlare della mitumba? … la caritas se li vende i nostri vestiti!!!
    bacibà

  8. sysjena ha detto:

    SCIC. Siamo dei consumisti…:-)
    ILOVEROMA. Gia’…che noia infinita…prima o poi mi compro un armadio 4 stagioni…o alla marinara…;-)
    SAB. Anche io faccio fatica…magari aspetto che tornino di moda…speranza vana…
    WHATH. Un po’ di te che viaggia…non e’ poi cosi’ male…
    MARIECHAT. E’ vero…:-))
    BARBA. E’ disperata…non sa che mettere…;-)))
    EZRAZ. Ho avuto questo sospetto quando ho visto svuotare il cassonetto Caritas. Guardavano capo per capo…molto strano…:-)

  9. timeline ha detto:

    io rimando il più possibile 🙂

    Blue

  10. sysjena ha detto:

    BLUE. Meglio leccare il rospo subito (fare la cosa meno piacevole il prima possibile)…;-))))

  11. mata63 ha detto:

    Tu pensa che questo rito dalle mie parti si ripete per tre volte. I miei vestiti e quelli dei miei due figli.

  12. sysjena ha detto:

    MATA. E per 4 cosa ne dici..?? ;-)))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...