<font color=”#ff0000″><strong>DELIRIO DEL VENERDI</strong></font><br />
Corro, mi affanno. La notte sembra aver inghiottito il mio coraggio. Ho paura, ma devo essere veloce, e non esitare. Questo inverno ha lasciato il fango ovunque, ma non sento il freddo perche’ ardo di frenesia, frenesia che mescolandosi alla paura si trasforma in delirio. Sento dei passi dietro me, allora accelero, ma il rumore non sembra attenuarsi. Mi volto un attimo, e scorgo un uomo robusto, e sembra che mi segua. E’ buio, e’ tutto complicato, e lui mi segue. Mi fermo e lo affronto. &quot;Tra quanto passa il prossimo autobus ? &quot;. &quot;Tra piu’ di un ora&quot;. &quot;E taxi se ne trovano qui ?&quot;. &quot;No, nessun taxi qui&quot;. &quot;Grazie&quot;.&quot;Prego signorina&quot;. Riparto stringendo la mia borsa con dentro il fardello, l’orrore e la pieta’, il peccato. Vedo un recipiente per i rifiuti, mi avvicino, forse potrebbe essere il luogo. Improvvisamente un abbaiare di cani, ed un cane ringhiando mi passa vicino. Il terrore e’ tale che non posso urlare. Ma lui ha detto che devo trovare un condominio e salire al decimo piano, e li’ disfarmene. Mi incammino, ma e’ una notte rumorosa, o forse sono il buio e la paura che la rendono tale. Sento la sirena della polizia, ed una radio di servizio. Se mi prendono e’ la fine. Mi sembra di essere in un incubo, mentre barcollo verso un ingresso. Il buio sembra non avere fine mentre salgo le scale. Una porta che si apre, mi addosso ad una parete, non mi vedono, non possono vedermi. Salgo ancora, ed ancora. Ecco, ora puo’ bastare. Il mio cuore e’ piu’ rumoroso di qualunque cosa in questo istante. No, non lo tiro fuori dalla borsa. Il solo pensiero mi blocca la mente. Apro lo scivolo dei rifiuti, e ci butto dentro tutta la borsa. Sento l’eco lontano del suo rimbalzare, poi un tonfo leggero e poi niente. Improvvisamente il silenzio e’ assordante. Mi appoggio al muro e piango, e non e’ solo tensione. Rientro veloce, trovo un autobus e salgo. Sono sola e mi sento sola, e soprattutto sono diversa, per sempre. Raggiungo l’albergo e salgo in camera. Busso. Lei non risponde. Mi prende il terrore che si sia sentita male. Scendo precipitosamente nella hall, e la portiera mi dice che lei mi sta aspettando al ristorante. La vedo e mi siedo al suo tavolo. &quot;Avevo fame&quot; mi dice. E poi mi fa: &quot;L’hai seppellito vero ?&quot;. Riesco solo a dirle : &quot;Senti….di questa cosa d’ora in avanti non ne parliamo proprio piu’, mai piu’&quot;. Sono cambiata, e per sempre.<br />
<em>Ispirato dal film &quot;Quattro mesi, tre settimane, due giorni&quot;.</em><br />
<img align=”cssCenter” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2007/10/cristian-mungiu.jpg&#8221; style=”margin: 0px auto 10px; display: block; text-align: center;” alt=”” />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

12 risposte a

  1. ezraz ha detto:

    incubo o esercizio di stile?
    -l’ansia si sente tutta-
    bacibà

  2. Scic ha detto:

    Devo vederlo. Devo proprio vederlo.

  3. anonimo ha detto:

    ton délire est trop délirant.
    le sujet trop difficile.
    pensées amicales

  4. metallicafisica ha detto:

    che ansia, questo delirio

  5. mata63 ha detto:

    Cavoli! Fortuna che non hai visto, come me, i due film di Clint Eastwood “Flags of our father e Lettere fa Jwo Jima”

    PS: Se non li hai visti… comunque te li consiglio.

  6. anonimo ha detto:

    BELLO. buon we s.

  7. sysjena ha detto:

    EZRAZ. Ho visto il film ieri sera. Sono rimasto stupefatto da quello scorcio che ho raccontato, girato con la telecamera a mano. Provavo angoscia, ed ho provato a vedere se si riusciva a trasmettere anche con le parole…:-)
    SCIC. Io l’ho trovato bello. Asciutto, duro e bello…soprattutto per l’uso delle inquadrature…straordinario…
    MARYCAT. Si…e’ un argomento sempre difficile….:-)
    SAB. Vuoi dire che ci sono riuscito…? ;-)))
    MATA63. Ho visto lettere da Iwo Jima…e mi e’ piaciuto tantissimo…
    WHATH. Non e’ poi cosi’ difficile raccontare….:-)))

  8. cuordimamma ha detto:

    Un post intenso e tragico. Andrò a vedere il film.
    Se non sono indiscreta,il tuo nome da cosa deriva?

  9. sysjena ha detto:

    CuordiMamma. Ti mando ad un post vecchi che lo riportava…proprio agli albori…. 🙂
    http://sysjena.splinder.com/post/142147#142147

  10. ezraz ha detto:

    buin lunedì!
    bacibà

  11. sysjena ha detto:

    EZRAZ. Ma grazie…:-))))))))))))))))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...