<font color=”#ff0000″><strong>DELIRIO DEL VENERDI</strong></font><br />
Mi sono fatto. Ebbene si, ho ceduto alla curiosita’ e mi sono fatto. Ora gli effetti cominciano a sentirsi. E’ come se mi staccassi dalla realta’, ma non sollevandomi, ma scollandomi, come un adesivo che si toglie lentamente. Vivo la parte di me gia’ in aria e quella resistente, che cede lentamente. Ecco, mi stacco del tutto con un secco rumore, ed ora volo. E’ magnifico, e’ magnifico quel blu. E quel verde, e’ incredibile. La mente vortica tra colori e sensazioni; e’ soprattutto sovrastata dall’idea di distacco, come se avessi reciso un cordone ombelicare che mi forniva non cibo, ma responsabilita’ e dovere. Ora sono libero, e la consapevolezza della caducita’ del viaggio, l’idea del termine, e’ come un solletico inefficace, come remota teorizzazione. E mi riempio gli occhi, mi riempio la bocca, mi riempio il naso, la pelle accarezzata da una mano enorme e morbida, il piacere che addirittura eccita i recettori sessuali, e non e’ il benessere in se’, ma l’essere parte integrante di un travolgente orgasmo. Non sento piacere. Io sono il piacere. <br />
<br />
Gli effetti si attenuano, lentamente ma inesorabilmente. La remota teorizzazione fluisce sempre con piu’ impeto nella mia mente, e riempie l’esperienza di nostalgia di perdita. L’effetto scema rapido, tanto che il ricordo diviene quasi doloroso. Ne scaccio gli ultimi bagliori dalla mente, ed anche il blu si spegne.<br />
Sento la colla che si riappropria della mia pelle. Mi alzo, spazzolo via con le mani i fili d’erba, e sputo quel germoglio che stavo masticando. Guardo la conca rimasta nell’erba, che mi sembra meno verde ora. Un ultimo sguardo al blu intenso del cielo, che quasi non riconosco, e rientro nella realta’.<br />
<br />
<img align=”cssCenter” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2008/02/trip.jpg&#8221; style=”margin: 0px auto 10px; display: block; text-align: center;” alt=”” />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. anonimo ha detto:

    Ma in quel viaggio non hai incontrato quel sole rossissimo ?
    Eppure c’era ! Dommage que tu l’aies manqué il était si beau.
    124 pensées de feu et heureuse dernière journée. Le meilleur moment est presque là !

  2. metallicafisica ha detto:

    Il solito egoista… oramando subito Mary e… trattala come si deve!!!:)****

  3. Scic ha detto:

    farsi per rifarsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...