Quasi quasi me ne stavo a Roma. Avro’ anche scarpinato per bene, ma almeno l’animo era contagiato dalla citta’ eterna, e da quella sorta di allegria che a Roma ho sempre sentito in maniera quasi tangibile. La presentazione e’ andata bene, ero decisamente rilassato, anche perche’ il relatore ed io avevamo trovato quasi da subito un feeling decisamente buono. Ci si intendeva senza doversi spiegare, una bella sensazione. La libreria era piccola, solo una vetrata, e poi si estendeva in profondita’. Molto accogliente. La saletta era piccola, sul fondo della libreria. Sono arrivato con Miki li’ alle 17, cosi’ ho scuriosato qualche titolo, dopo aver fatto due chiacchiere con il relatore. Ero stato messo come primo, e mi andava anche bene. Ci eravamo accordati a grandi linee, e cosi’, per quanto non mi fossi proprio preparato, avevo avuto la possibilita’ di abbozzare qualche concetto, che poi una volta presa la parola, si sono dipanati in modo abbastanza fluido. In realta’ siamo partiti con un trittico di poesie assolutamente pessimiste, perche’ il relatore, Gianluca, era rimasto colpito dal lato fisico contenuto nelle mie poesie, e queste tre contenevano la descrizione fisica di suggestioni che non lo erano. Poi ho parlato del sangue, e di quello che rappresenta, infine della purezza, ed anche del mio modo di scrivere, del fatto che non faccio mai alcuna correzione a quello che esce. Il tutto intercalato dalla lettura di altre poesie. Mi e’ sembrato che fossero tutti (pochi) abbastanza interessati, e la cosa mi ha fatto piacere. Addirittura una ragazza mi ha detto che quando ho letto la seconda poesia, si e’ messa a piangere, perche’ si e’ rispecchiata in quello che avevo scritto. Una cosa che ho trovato dolcemente buffa, perche’ avevo proprio parlato anche di quello che penso della fruizione poetica, e cioe’ che una poesia deve fulminarti, che in fondo e’ come un quadro. Non importa se famosa o meno, ma puo’ piacere come no. Non ha bisogno di spiegazioni, perche’ o la senti tua, o non la senti affatto, e questo solitamente, almeno per me, e questione di un attimo. Il tutto e’ durato circa trenta minuti. Poi c’eramo altre tre persone che presentavano i loro scritti. Una ragazza che aveva scritto poesia, una dei racconti, ed un signore che aveva scritto un saggio. Erano venuti dei miei amici di Roma, una coppia che non avevo mai visto, ma per lavoro avevo frequentato telefonicamente. Sono stati assolutamente deliziosi. Ci hanno portato fuori a cena, dopo averci mostrato lungamente Roma by night dall’auto, ma in maniera assolutamente piacevole. La cena poi e’ stata ottima, veramente ottima, ed hanno offerto loro. Una bella giornata, davvero. Adesso vediamo come evolvono le cose.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

8 risposte a

  1. metallicafisica ha detto:

    Bello ma far pianfere una fanciulla!!!!! Si vergogni!!!

    foto, vogliamo le foto:))))***

  2. anonimo ha detto:

    Bellissimo leggerti così lieto nel tuo dire…

    [ciò che pensi della fruizione della poesia è esattamente ciò che penso anche io 🙂 ]

    …quante volte ho pianto leggendo parole che sentivo mie…

    un abbraccio

    Blue

  3. mata63 ha detto:

    Però che esagerato! Arrivare a scrivere un libro di poesie solo per scroccare una cena. ;o)

    Tivibì, bravò bravò!

  4. anonimo ha detto:

    Stupendo……….

  5. whathefuck ha detto:

    quoto la sab… non si fanno piangere le donne [prima]. :))))))))))))

  6. metallicafisica ha detto:

    WHAT!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  7. TheSupergirl ha detto:

    bravissimo. bello. anch’io vorrei fare un salto a Roma. Heem. invece tocca tornare a casa.

  8. Scic ha detto:

    bravo bravo. e complimenti. e poi una cena non si rifiuta… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...