<font color=”#ff0000″><strong>DELIRIO DEL VENERDI</strong></font><br />
Cerco una parola per delirare. La prima che mi viene in mente e’ &quot;stratigrafia&quot;, e mi chiedo da dove salti fuori. Non sono un geologo, ne’ un esperto di TAC, per quanto da bambino non disdegnassi l’interesse per minerali e fossili. Ma noi siamo fatti a strati, un po’ come gli alberi, che aggiungono un anello all’anno, e da quell’anello puoi capire come l’albero ha passato quell’anno. Cosi’, se ci fosse qualche d’uno in grado di &quot;destratificarci&quot; avrebbe tanti noi diversi, lasciati dopo periodi non quantificabili, in cui noi ci siamo comportati diversamente da adesso. La differenza e’ che i nostri strati sono in collegamento uno con l’altro e la loro integrazione genera l’ultimo, una sorta di summa. Ci sono strati che volentieri dimenticheremmo, ma per quanto si agisca sulla memoria, ne portiamo sempre dietro le conseguenze, e le tracce, per quanto occultate, sono percepibili nell’ultimo strato. E come gli alberi i nostri strati sono influenzati da un periodo arido, o da un periodo florido. Certo, adesso mi sono imbarcato in questa disquisizione assolutamente metafisica, il che mi permette di fare affermazioni assurde, ma ho qualche difficolta’ nel trovare per questo delirio una chiusa che possa almeno chiudere la porta. Per questa volta mi accontentero’ di un cancello, di quelli in ferro battuto che ti permettono di vedere dentro. Perche’ sono tanti quelli si fanno guardare dentro, ma che tengono il cancello chiuso.<br />
<br />
<img align=”cssCenter” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2009/07/small20fir.jpg&#8221; style=”margin: 0px auto 10px; display: block; text-align: center;” alt=”” />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

10 risposte a

  1. timeline ha detto:

    Profondo, come sempre…
    La chiusa del post mi ha fatto pensare al gelo…e all’ineluttabilità di certi accadimenti.

    buonwe
    :*

    Blue

  2. Scic ha detto:

    entri anche nelle porte sbarrate.

  3. ioEilidh ha detto:

    Stavo chiedendomi cosa c’è nel venerdì che stimola il tuo “delirio,
    cioè l’introspezione…
    Comunque , a volte, non ho neanche voglia io di guardarmi dentro, fa troppo male.
    Ciao, buon fine settimana ;-))

  4. Arancionne ha detto:

    quel tronnco d’allbero sarebbe uttile comme basse del nosstro dehorrs. me lo pressti?

  5. giarina ha detto:

    stratidisegnerie.
    potrei farlo come lavoro.
    ciao sys. tutto bene?

  6. qualquna ha detto:

    geniale!
    un salutone
    e
    Buona Domenica!

  7. anonimo ha detto:

    parola d’ordine sedimentare.
    cancello chiuso pure il mio, con lanci di sabbia per accecare i passanti 😉

  8. Scic ha detto:

    Ciao Sys!

  9. ioEilidh ha detto:

    Vista la tua assenza voglio sperare che tu sia in vacanza…
    Buon relax.

  10. sysjena ha detto:

    BLUE. Come un ritorno obbligato…?? ;-)))
    SCIC. Sono ancora un agile scavalcatore…;-)))
    ioEilidh. Il venerdi e’ il giorno piu’ strano….in cui si finisce la settimana e si ha la prospettiva del possesso del tempo…niente e’ magnifico come il venerdi sera….gia’ il sabato si comincia ad intravedere il lunedi….:-)*
    ARANCIONNE. Puoi prenderlo tranquillamente….:-)
    GIARINA. Sissi…tutto bene…tutto solito….;-)**
    QUALQUNA. Magari fossi veramente geniale…..:-)*
    WHATH. Prova con l’accoglienza…tipo party in giardino…quello attira sempre…;-)))
    SCIC. Ciao Pallo….:-))))
    ioEilidh. Oramai ex-assenza….:-)**

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...