CASE E PORTE<br />
<br />
Guardo le case e guardo le porte,<br />
ed un sentimento forte mi riempie,<br />
come fossi un enorme contenitore vuoto,<br />
colmato dal liquido in un attimo.<br />
<br />
Allora distolgo gli occhi,<br />
che quella porta mi ha rubato,<br />
mentre dentro si agitano i mille pensieri<br />
di chi possiede quello spazio e quel tempo.<br />
<br />
E’ come se dietro quei mattoni,<br />
e’ come se dietro quel legno,<br />
pulsasse un cuore ciclopico,<br />
fatto di vita, sangue e carne.<br />
<br />
Noi siamo la nostra casa,<br />
noi siamo dietro le nostre porte,<br />
e se tu senti la forza del rifugio<br />
allora comprendi il mistero della famiglia.<br />
<br />
Non esiste retorica nella tana,<br />
solo il violento calore della comunanza,<br />
che se vibri sullo stesso piano<br />
ti travolge come tempesta di sabbia.<br />
<br />
Ogni volta avverto quel sentore,<br />
perche’ le case trattengono il senso umano<br />
anche se sono vuote.<br />
Se vibri lo cogli quel ricordo.<br />
<br />
E ti senti travolgere dalle vite,<br />
ti senti sopraffare dal cuore altrui<br />
che nemmeno intravedi nei corpi,<br />
ma che senti nel cemento, nella pietra.<br />
<br />
Nell’assenza dei respiri,<br />
nell’assenza del sangue,<br />
ti sommerge l’onda dei pensieri<br />
che i muri hanno preservato.<br />
<br />
Ma e’ la porta che trattiene,<br />
e’ la porta che ha la forza dello stato,<br />
che chiusa od aperta<br />
cambia il calore del vento.<br />
<br />
Guardo le case, guardo le porte,<br />
e da allora non sono piu’ lo stesso.<br />
Sono dentro questo immenso cuore che pulsa<br />
e che avevo sempre ignorato.<br />
<br />
09/03/2009<br />
<br />
<img align=”cssCenter” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2009/07/sa13jeg0034-fb.jpg&#8221; style=”margin: 0px auto 10px; display: block; text-align: center;” alt=”” />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. anonimo ha detto:

    si sente forte la presenza di chi fu

    è protetta dentro i silenzi di sale
    che solo pietra e legno sanno trattenere
    quei silenzi che pochi possono ascoltare e sentire

    un bacio e buon we

    Blue

  2. sysjena ha detto:

    BLUE. Ho travalicato una dimensione….le cose ora si fermano molto piu’ dentro di prima…devo prenderne atto…:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...