Un giusto omaggio al mio poeta preferito. Con le sue parole ho viaggiato negli anni dell’adolescenza. E’ un po’ che lo trascuro, bisogna che mi faccia perdonare. Quella che posto e’ una poesia a caso. Ho lasciato che il titolo, tra centinaia, sussurrasse &quot;me!&quot;.<br />
<br />
ALBA<br />
<br />
Il mio cuore oppresso<br />
con l’alba avverte<br />
il dolore del suo amore e il sogno delle lontananze.<br />
La luce dell’aurora porta<br />
rimpianti a non finire<br />
e tristezza senza occhi<br />
del midollo dell’anima.<br />
Il sepolcro della notte<br />
distende il nero velo<br />
per nascondere col giorno<br />
l’immensa sommit&agrave; stellata.<br />
Che far&ograve; in questi campi<br />
cogliendo nidi e rami,<br />
circondato dall’aurora<br />
e con un’anima carica di notte!<br />
Che far&ograve; se con le chiare luci<br />
i tuoi occhi sono morti<br />
e la mia carne non sentir&agrave;<br />
il calore dei tuoi sguardi!<br />
<br />
Perch&egrave; per sempre ti ho perduta<br />
in quella chiara sera?<br />
Oggi il mio petto &egrave; arido<br />
come una stella spenta.<br />
<br />
<em>Federico Garcia Lorca</em><br />
<br />
<img align=”cssCenter” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2009/09/sunrise_01_406x304.jpg&#8221; style=”margin: 0px auto 10px; display: block; text-align: center;” alt=”” />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a

  1. BellaSvvan ha detto:

    marò ke poesia bella… rispekkia un pò il mio stato d’animo di adesso.. bellissima! *-*

  2. Scic ha detto:

    e si è scelta bene! 🙂

  3. ioEilidh ha detto:

    Grande Federico… con Pavese è stato il poeta che più ha scavato nella mia anima (ho ammorbato la mia famiglia recitando “alle cinco de la tarde ad ogni occasione),
    grazie per avermelo ricordato.
    Un abbraccio :-))

  4. anonimo ha detto:

    bellisima, mi ricorda qualcosa…
    Cucciolotta

  5. anonimo ha detto:

    Oggi sento nel cuore
    un vago tremore di stelle,
    ma il mio sentiero si perde
    nell’anima della nebbia.
    La luce mi spezza le ali
    e il dolore della mia tristezza
    bagna i ricordi
    alla fonte dell’idea.
    Tutte le rose sono bianche,
    bianche come la mia pena,
    e non sono le rose bianche,
    perchè ci ha nevicato sopra.
    Prima ci fu l’arcobaleno.
    Nevica anche sulla mia anima….
    Cucciolotta

  6. sysjena ha detto:

    BELLASVVAN. Be’…e’ Lorca…;-)))
    SCIC. :-))
    ioEilidh. ..io folgorato dalla frase….”potessero le mie mani sfogliare la luna…” :-))) Buona settimana….:-)*
    CUCC. Viviamo di ricordi…:-)))***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...