Respiro lentamente, ma profondamente, mentre scorrono nella mente immagini disparate, attimi che presto scordero', secondi di esistenza andata che quasi sempre si perdono lungo il cammino. A nulla serve voltarsi indietro, non sono sassi di Pollicino, ne' briciole di pane, ma piccole gocce invisibili di nulla.<br />Non puoi nemmeno tornare indietro, raccoglierle e riutilizzarle, o magari venderle. Nel momento dell'oblio semplicemente evaporano. Ed anche se ti ricordassi qualche cosa di loro, peraltro possibilita' assai remota, avresti la sensazione dell'indefinibile, quasi un disagio, perche' a quel ricordo si assocerebbe un vago dolore di perdita.<br /><br /><img alt=”” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2010/05/8a746760ad2a42624a23925266c20235.jpg animata/images/pollicino1.gif” style=”width: 262px; height: 186px; margin: 0pt auto 10px; display: block; text-align: center;” /><br />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

8 risposte a

  1. Scic ha detto:

    filmati infiniti.

  2. sysjena ha detto:

    SCIC.  Filmati persi….

  3. ezraz ha detto:

    ogni giorno ci perdiamo qualcosa… che tristezza!bacibàp.s. però l'hai descritta gran bene!

  4. ioEilidh ha detto:

    Io non credo che siano inevitabilmente persi, forse sbiadiscono mati lasciano dentro un sentore dei sentimenti che li hanno accompagnati:dolcezza, tristezza anche rabbia a volte. Io credo che nulla vada definitivamente perduto.Abbraccio

  5. qualquna ha detto:

    bisogna lasciar perdere il passato,……spesso vivo nel passato è sto male,allora cerco tutto nel presente,e me ne frego del futuro,allora VIVO!!!un caro salutoe grazie alle tue visite!!!!

  6. invivibile ha detto:

    è un pò come quando scriviamo o diciamo qualcosa,una volta uscito da noi non ci appartiene più, il tutto va ad arricchire qualcun altro,ma non ci si deve sentire poveri, chi crea non sarà mai povero, chi usufruisce lo è,ed è sempre alla ricerca di quel qualcosa che lo faccia stare bene incorporando, ecco, forse tu stai bene una volta donato ciò che sei,e non una volta preso ciò che vuoi,che poi non te ne faresti nulla,ricordi il campo di papaveri? è ancora là,e ad ogni stagione sarà sempre là per te e per quelli come te,fino a che non arriverà qualcuno a portarselo via abbattendolo,ma lui vivrà per sempre dentro te e a tutti quelli come te 😉

  7. Morfea77 ha detto:

    andare e tornare.

  8. sysjena ha detto:

    EZRAZ. Non sempre e' colpa nostra….:-)**oEilidh. Non sono d'accordo….perche' c'e' una parte del nostro tempo che non ci appartiene, e spesso e' assolutamente inutile e non lascia tracce di se'…in fondo noi non ricordiamo che attimi…IMHO .:-)***QUALQUNA. Il problema e' che noi siamo fatti di passato….e non possiamo farci niente….grazie a te !!! :-)**INVI. E' vero che cio' che esce non ti appartiene piu', o forse meglio ti appartiene ancora ma senza esclusiva, che e' una cosa che trovo bellissima. Ma ne rimane traccia, e se vuoi e se puoi puoi ritrovarla oltre che in te anche in quelli che hai reso partecipi. Ma c'e' tantissimo tempo che e' tuo ed e' inutile, perche' venduto ad altri, o perche' figlio di un automatismo ripetitivo eseguito senza consapevolezza. E' quello che si perde a mio modestissimo parere….Il campo di papaveri l'ho fotografato…oltre che nel cuore lo potro' sempre riportare negli occhi…:-)))MORFEA77. In realta' andiamo solo….il tornare e' una sorta di illusione…:-))**

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...