Mi spaventa il potere, e soprattutto non mi appartiene. Ho l'impressione che si stiano nuovamente tirando muri invalicabili tra le classi sociali. Riassuntino con quello che mi viene in mente. Tolte le preferenze alle elezioni politiche (in definitiva mettono chi vogliono). Delegittimazione della magistratura. Accaparramento dei media. Leggi sulla scuola atte esclusivamente alla distruzione sistematica di quella pubblica (<a href=”http://www.19luglio1992.com/index.php?option=com_content&amp;view=article&amp;id=662:discorso-di-piero-calamandrei-in-difesa-della-scuola-nazionale&amp;catid=20:altri-documenti&amp;Itemid=43&#8243; target=”_blank”>vedi discorso di Calamandrei fatto nel '50</a>). Legge sulle intercettazioni ( ve ne fregherebbe qualche cosa se vi ascoltassero ? A me no, anche perche' perderebbero tempo). Bavaglio all'informazione. Delegittimazione dell'unico vero sindacato dei lavoratori (assieme forse ai Cobas). Scavalcamento dei contratti di lavoro. Addirittura ricatti lavorativi che ledono principi indissolubili. Innalzamento dell' eta' pensionabile. Manovre economiche che prelevano dalle classi meno abbienti. Scudi fiscali che incitano all'evasione ed al deposito di fondi all'estero. Continui tentativi di modificare la costituzione. In piena crisi economica nessuno spostamento di fondi dal progetto sul ponte di Messina.<br />Qualche d'uno avanza l'ipotesi che si stia portando avanti il progetto massonico degli anni '80. Puo' darsi, ma i nostri figli ? Certo, non i figli di &quot;lor signori&quot; che navigheranno sempre piu' nell'oro, ma qualche d'uno pensa ai suoi figli ? Perche' tutto questo mi sembra aberrante ? Forse ho un imprinting particolare che mi porta a vedere il diavolo dove non c'e' ? Eppure mi sembra tutto cosi' lampante.<br /><br /><img alt=”” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2010/06/mala_tempora_piccola.jpg&#8221; style=”width: 220px; height: 220px; margin: 0pt auto 10px; display: block; text-align: center;” /><br />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a

  1. Barba ha detto:

    Caro Andrea so che non è una consolazione ma non sei solo ad essere amareggiato. La cosa cher mi rattrista ancor più del potere che favorisce una parte che non ne ha bisogno a discapito di una che ne ha è scoprire che c'è molta gente che non ha e che si bea e difenede quel potere. Gente che sente un bisogno smisurato di qualcuno che la intruppi e la dirigga. Non importa dove, basta poter essere pecoroni esentati dall'esercizio del pensiero. Una cecità estesa di una buona parte di gente che vive di telefonino, veline, calciopoli e di marciume diffuso. Oggi sventolano tanto la necessità della privacy, di potersi dire al telefono tutte le malefatte del mondo senza che alcuno, magistratura in primis, possa mettere naso. Un giorno, però, quando la gente comincerà a ribellarsi allora intercetterano tutti i dissidenti, tutti coloro che non sono d'accordo che sarà considerato un crimine peggiore dell'omicidio, dello stupro o della rapina.

  2. ioEilidh ha detto:

    E' la barbarie che avanza, la legge del più forte che se ne infischia,apertamente ormai, di ogni legalità e diritto.Ma quello che più addolora è vedere il popolo beota che lo segue,abdicando ad ogni capacità di raziocinio si rifiuta di vedre che "il re è nudo"Ciao, un abbraccio

  3. timeline ha detto:

    sottoscrivoBlue

  4. sysjena ha detto:

    BARBA. Hai centrato quello che penso. Mi irritano i pecoroni, ma molta gente non vuole altro che qualche d'uno che pensi al loro posto, ed e' una cosa che trovo maledettamente deprimente.ioEilidh. Ma non trovi che i beoti siano troppi…?? :-)**BLUE. Non avevo dubbi :-)**

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...