<span style=”color: rgb(255, 0, 0);”><strong>DELIRIO DEL VENERDI</strong></span><br />Mi ricordo i rinoceronti volanti. Saranno almeno vent'anni che non vedo, forse piu'. Da ragazzino vederli era sempre un'emozione, cosi' imponenti, dei piccoli carrarmati. Ma spesso si trovavano morti, in una sorta di secchezza naturale. Li si osservava attentamente, e quando l'immobilita' superava la prova &quot;stecchetto di legno&quot;, ecco che c'era il trofeo da mettere su una mensola. La cosa che mi ha sempre stupito era la naturalezza di quelle morti. Sembravano solo fermi, non morti, e per questo lo stecchetto era necessario. Si aveva l'impressione che d'improvviso il loro soffio vitale fosse stato rapito dal vento, senza preavviso, in qualunque posa essi si trovassero. E' che noi associamo alla morte un evento violento, oppure il letto. Associamo una sorta di sofferenza, ed una posa che quasi immancabilmente e' sdraiata. Non ho mai trovato un rinoceronte volante a gambe all'aria, e nemmeno un cervo volante in quella posa. La morte fa parte della loro vita e li lascia come se fossero ancora parte integrante del loro mondo. La natura li tiene con se' fino al loro dissolvimento, od al loro utilizzo da parte di altri organismi. Non c'e' alcun dolore, solo un interruttore che improvvisamente si spegne. E dopo aver scritto queste cose, mi rendo conto di invidiare un po' il rinoceronte volante.<br /><br /><img alt=”” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2010/06/89.jpg&#8221; style=”width: 412px; height: 339px; margin: 0pt auto 10px; display: block; text-align: center;” /><br /><br />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a

  1. ioEilidh ha detto:

    Li invidio anche io, per me, per il mio lavoro, quasi sempre la morte è associata alla sofferenza ed al dolore, qundi mi è difficile vederla comeun evento naturale, un atto fisiologico; ma a parte questo, anche la mente si ribella alla fine di tutti i pensieri, di tutte le emozioni ed i sentimenti che mi hanno caratterizzato: io non sarò più, è questo che mi riesce difficile accettare…Un abbraccio.

  2. biondograno ha detto:

    quando ho letto la parola rinoceronti…mi son detta…ho un bel post immaginativo…e invece voi chiamate rinoceronti…quelli che per noi son cervi…ma daiiiiiiiiiiiiikiss….m.

  3. Scic ha detto:

    una morte lucente.

  4. sysjena ha detto:

    ioEilidh. Tu non hai idea di come io comprenda la tua riflessione sull' io non sarò più, che fa da contraltare all' io sono.:-)***Monic. Ed i cervi volanti come li chiamate ? ;-)))))**SCIC. Proprio cosi'….:-))))

  5. qualquna ha detto:

    ho pensato ad un cartone animato,  :-)ma visto il foto, è un "mostriciatolo" che da bambina mi terrorizava (anche ora, ma tanto non ho piu' visti)un caro saluto!

  6. qualquna ha detto:

    stamani mentre portavo il mio cane sul prato nella vicinanza , ho visto due,forese è il periodo che s'appaionosono spaventosi :-)))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...