<span style=”color: rgb(255, 0, 0);”><strong>DELIRIO DEL VENERDI</strong></span><br />
Assenza e penitenza. Penitenza non per l'assenza, ma per l'essenza della resistenza. Resistenza ad oltranza che ci vuole una pazienza che di capienza sono quasi senza. E' l'esperienza che tacita la maldicenza, ed appellandomi alla coerenza rigetto l'altrui insistenza, che mi appare tracotanza senza sostanza. Vorrei ridere da tenermi la panza ed invece vacilla l'alleanza se cambio preferenza. Getto la lenza e abbocca l'eleganza, che di parole potrei riempire una stanza, ma orecchie sorde paventano indifferenza frammista ad arroganza. Ed allora mi orno d'organza e taccio in una parvenza d'astinenza sognando l'indigenza.<br />
<br />
<img alt=”” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2011/04/pseudomonas.jpg&#8221; style=”width: 210px; height: 147px; margin: 0pt auto 10px; display: block; text-align: center;” />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a

  1. qualquna ha detto:

    una parvenza di penitenza
    un caro saluto e
    Buon fine settimana di Primo Maggio lacrimoso:-)))

  2. SemifreddoalCaffe ha detto:

    e non sarà già abbastanza?

  3. invivibile ha detto:

    nell'indigenza c'è tutto quello che manca in chi pretende di non far mai senza. 😀

  4. ipsediggy ha detto:

    cazzo, sys, ho capito tutto al primi tentativo!
    😀

  5. effettopauli ha detto:

    L'indigenza finale non mi convince (a livello sonoro), tutto il resto sì : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...