<strong><span style=”color: rgb(255, 0, 0);”>DELIRIO DEL VENERDI</span></strong><br />
Camminavo a sud del confine, lasciando il fiume ad ovest del sole, quando vidi quel vecchio. Mi sorrise e mi disse &quot;Ascolta la canzone del vento&quot;. Lo guardai sorpreso e tesi le orecchie. All'inizio mi parve un blues, ma non so perch&egrave; mi apparve Tokyo, poi mi accorsi che erano i Beatles, con &quot;Norwegian wood&quot;.Mi stupii del vento musicale. Il vecchio con la mano mi fece cenno di seguirlo. Arrivammo ad un grande fienile sul cui portone capeggiava l'immagine di una pecora. Lui si ferm&ograve; sotto il segno della pecora e mi indic&ograve; la porta di legno. &quot;Quella porta &egrave; contemporaneamente la fine del mondo e l'inizio del paese delle meraviglie&quot; mi disse. &quot;Vuoi varcarla ?&quot; . Il mio assenso fu un sorriso. Entrammo, c'era buio. Improvvisamente qualche cosa si accese in un angolo e fece un rumore che conoscevo dall'infanzia. Mi avvicinai al flipper. Era magnifico, di quelli vecchi. Su un lato una targhetta diceva che era del 1973. Mi sentii improvvisamente illuminato, come se uscissi da un attimo di oscurit&agrave;, una sorta di after dark. C'era, al centro del fienile, una ragazza che ballava assieme ad un cane. Lo chiamava Laika per cui supposi fosse una femmina. Lei aveva un casco da astronauta in mano, e mentre roteava ripeteva di continuo &quot;Dance, dance, dance&quot;. Collegai quel casco al nome del cane, e mi venne in mente lo Sputnik. La donna forse si chiamava Valentina. Il vecchio sorrideva, ed io mi sentivo strano, come incantato. Si avvicin&ograve; ad una porta opposta all'ingresso e sempre sorridendomi l'apr&igrave;. Ci trovammo sulla spiaggia. Su un tavolino era posato un libro di Kafka, La metamorfosi. Il vecchio mi indic&ograve; di guardare in riva al mare. Forse era un sogno. C'era un uccello, sembrava un airone, ma era strano, e teneva un cacciavite con il becco, e con un movimento quasi impossibile lo girava avvitando delle enormi viti azzurre. &quot;Quelle &quot; disse il vecchio &quot; sono le viti del mondo&quot;. Lo guardai fisso, ma lui si dissolse. Mi ritrovai seduto su un grande sasso sotto un albero. Avevo sognato ? Mi era sembrato tutto cos&igrave; reale. Sentii qualche cosa pungermi sulla coscia, qualche cosa che avevo in tasca. Tastai un che di plastificato, ed estrassi una specie di biglietto da visita. Vi era stampata una grande pecora, e sotto, in maiuscolo questa sigla &quot;1Q84&quot;. Forse, pensai gi&agrave; con nostalgia, era un codice d'accesso per tornare nel paese delle meraviglie.<br />
<br />
<img alt=”” src=”https://sysjena.files.wordpress.com/2011/10/the-beatles-norwegian-wood-368048.jpg&#8221; style=”width: 450px; height: 453px; margin: 0pt auto 10px; display: block; text-align: center;” />

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in delirio. Contrassegna il permalink.

9 risposte a

  1. sysjena ha detto:

    Era tanto che non giocavo. Questa è facile. Sono citati i titoli di 13 libri di uno scrittore che adoro.

  2. Yoga ha detto:

    Cu cu … ciao belessa come te la passi? Qua è la solita vita altalenante. Mille baci e spero a presto. Syl

  3. anonimo ha detto:

    la butto lì: sarà mica murakami?

    buon we

    Blue

  4. qualquna ha detto:

    fantasia infinitá
    bellissimo scritto!
    un caro  saluto
    buon fine settimana!

  5. ioEilidh ha detto:

    Un bellissimo sogno…:-)))
    Buon inizio settimana

  6. Scic ha detto:

    Va be'. Troppo facile! 

  7. iosempreio ha detto:

    non avevo capito niente, fino a leggere il tuo primo commento.
    ho capito chi è, ne ho letto uno solo suo, che peraltro hai citato.

  8. sysjena ha detto:

    Ecco i 13 titoli "nascosti" di Murakami, a mio parere autentico genio della letteratura moderna.
    Ascolta la canzone del vento
    Il flipper del 1973
    Sotto il segno della pecora
    La fine del mondo ed il paese delle meraviglie
    Tokyo blues
    Norwegian Wood
    Dance dance dance
    A sud del confine ad ovest del sole
    L'uccello che girava le viti del mondo
    La ragazza dello Sputnik
    Kafka sulla spiaggia
    After Dark
    1Q84

  9. sysjena ha detto:

    SYL. Ciao dolcezza. Spero anche io a presto…..solo che avvenga quello che deve..:-)***
    BLUE. Ma che butade….;-))))….tra l'altro uno era anche lì a destra…era "in lettura" ma adesso nei "letti da poco"…:-)****
    QUALQUNA. Molto Murakamiano, con tutti gli ovvi limiti del caso…;-)))
    IOE. Ad occhi aperti…che quelli ad occhi chiusi spesso mi inquietano…:-)***
    SCIC. Lo sai che tu a certi giochi non puoi partecipare….;-))))))
    IO=IO. E quale ? Io ne ho letti 5 più uno di racconti (non un granchè i racconti). Io consiglierei Kafka sulla Spiaggia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...