DELIRIO DEL VENERDI
Ragnatele, polvere, e tempo rubato. Al solito, disse l’uomo di strada. Sacrifici li chiamano, ma li chiedono sempre a quello che una volta veniva chiamato popolo. Non si usa più quella parola, forse perché fa paura. L’uomo di strada mi dice che si è persa la coscienza, quella sorta di grande vena che irrorava il pensiero comune distribuendolo tra gli individui rendendoli solidali. I nostri orticelli ora hanno barriere invalicabili, con cancelli che si aprono leggendo la retina, e guardie armate che sparano sui corvi, altro che l’orto di Tappo. I pomodori non si regalano più. Nessuno ha più la coscienza di quanto possa essere grande il potere della gente solidale e coalizzata. Perché per contrastare il potere altrettanto grande e subdolo che sta indirizzando le nostre vite, non si può; agire da soli, ma tutti devono fare la loro parte. Ma guardando l’indifferenza che lo circonda, l’uomo di strada mi dice che se il popolo non si sveglia, non ci resta che rassegnarci. Che poi, mi dice sempre l’uomo di strada, quelli parlano ma si riempiono di gioielli per andare ad una prima. Bell’esempio ! Ed al pensionato, uno di quelli normali però, si chiede di sopravvivere, mentre gli aerei da guerra, caccia-bombardieri, mica impianti difensivi, quelli si acquistano ugualmente, che ci stava l’intera manovra a lasciarli perdere. Eh, ma te la raccontano l’equità, che poi a quelli interessa più la guerra. Prova indovinare chi manderanno al fronte ? Il popolo, chi altro. Ah è vero, hai ragione, non si dice, il popolo non esiste più.

img

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in delirio. Contrassegna il permalink.

7 risposte a

  1. anonimo ha detto:

    Il popolo, il popoloche tanto fa, che tanto produce non interessa più…è solo una mucca da mungere 😦

    che desolazione

    Lu

  2. iosempreio ha detto:

    ma c'è ancora, nel dizionario, la parola equità?

    ps. ma tu dove traslocherai?

  3. Scic ha detto:

    lucido delirio

  4. anonimo ha detto:

    …siamo messi male!
    bacibà

  5. ioEilidh ha detto:

    Riuscire ad entrare in Splinder è un'impresa…
    Io non credo che si sia persa del tutto la coscienza di essere popolo,
    secondo me ci sono i segni di un risveglio :-)))
    Un abbraccio

  6. Barba ha detto:

    il popoplo, gran bella parola. Altisonante specialmente quando si fà demagocia. Priva di significato quando si tratta di fare i fatti.

  7. capelloalvento ha detto:

    Ciao, io mi sono trasferita qui: http://capelloalvento.blogspot.com/ , tu che fai? Auguri di buone feste, intanto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...