Ricordare il futuro

Volevo spiegare il “vivere di ricordi prima ancora di viverli”. Da sempre butto la mia mente avanti nel tempo a vivere situazioni immaginarie. Non necessariamente sono situazioni gloriose, anche se devo ammettere talvolta di abusarne. Possono essere anche situazioni dolorose. Io penso che anche molti di voi lo facciano, ma non ho idea di quale sia la vostra frequenza. Anche se dico che lo faccio spessissimo, in realtà non ho alcun termine di paragone per utilizzare quel superlativo, per cui è una affermazione opinabile. Eppure mi capita, talvolta, di non pensare ad una situazione precisa, ma di pensare al ricordo che mi può dare questa situazione che ho solamente immaginato. E’ un andare oltre (il che non è necessariamente un fatto positivo, anzi). Forse perchè oramai sono convinto che i ricordi rappresentino l’unico motivo per cui vivere, oltre all’istinto di sopravvivenza. Se fagocitassimo tutto senza ricordare, non saremmo in grado di fare alcun paragone e quindi se da un lato saremmo assolutamente puri, dall’altro saremmo assolutamente vuoti. E nei ricordi ognuno di noi ha la sua riserva di sensazioni, dove pescare gratificazioni gratuite o sproni inimmaginabili, sofferenze inevitabili o consiglieri arguti. E’ inutile girarci attorno, ma siamo tutti fatti di passato.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in filosofia - articoli. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Ricordare il futuro

  1. Paolopaoli ha detto:

    questo tuo post ‘va oltre’. questa tua considerazione ‘va oltre’. prima di cliccare su ‘invia commento’ salverò questa pagina nei miei preferiti. perché, mi ripeto, tu sei andato oltre. e che invidia! 🙂

  2. daniela ha detto:

    Noi siamo la nostra storia…
    A me capita, a volte, di immaginare di raccontare qualcosa che è accaduto (ma anche ciò non è accaduto veramente, solo immaginato…)… non so come spiegarlo 🙂 Bello che siano tornati i suoi deloiri 😀

  3. daniela ha detto:

    P.S. Ho letto dei tuoi lutti e delle dulusione… Mi dispiace molto, qualcosa in me aveva intuito che non fosse stato un periodo felice. Non sapevo che scrivessi e proprio mentre leggevo questo post mi dicevo: “Ma come scrive bene, chissà se ha mia pensato di pubblicare qualcosa”. Nota dolente, lo so. Per noi che ci crediamo veder trattati così i nostri sogni, le nostre fatiche è davvero doloroso. Io non ho mai pubblicato nulla, in realtà ho portato a conclusione solo un raccontino, che sto meditando di pubblicate su lulu e fare poi stampare in copisteria. Non ho provato neanche a rivolgermi a case editrici, forse non credo abbastanza in me stessa, sicuramente non ho soldi da farmi fregare (da luglio son di nuovo disoccupata). Mi piacerebbe leggere i tuoi romanzi, non sono tua amica (no???), ti darei un parere obiettivo 🙂 Facciamo uno scambio? 😉 Spero davvero che questo blog e lo scambio intellettuale e affettivo che ti consente ti siano da stimolo per superare gli ostacoli, e che porti un po’ di colore nei cupi pensieri… Buonanotte!

  4. ezraz751 ha detto:

    il futuro dei ricordi nel presente…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...