Delirio del venerdi

DELIRIO DEL VENERDI
Ubiquo, vorrei essere ubiquo. Ieri ho avuto l’impressione che per una decina di secondi la mia mente mi abbia lasciato per andare altrove, non chiedetemi dove. Quando è tornata mi mancava del tempo. L’ho cercato disperatamente attorno a me, anche nelle tasche, ma non l’ho trovato. Ho perso dieci secondi, forse più, o forse sono stato derubato. Questa cosa mi ha sconvolto. La mia mente non poteva portarsi dietro anche il mio corpo, così almeno avremmo condiviso l’esperienza? Ed invece, maledetta egoista, ha fatto tutto da sola, togliendomi anche la consapevolezza. Per questo la soluzione sarebbe l’ubiquità. Quante volte avrei voluto essere in due posti contemporaneamente. Oppure avrei voluto lasciare semplicemente il corpo in un luogo, come atto di presenza, ed io essere da un’altra parte, meglio con un corpo, ma a volte anche solo con la mente. Il problema comunque è sempre la consapevolezza delle due esperienze. Che sono i buchi che ti fregano. Ma riuscirei a gestire due flussi in contemporanea? Ci vogliono due processori paralleli, quindi due cervelli, oppure posso creare un cervello virtuale dividendo in due quello che ho? E non è che dividendo poi mi ritrovo in entrambi i luoghi un po’ scemo? Oppure che se si dividono verticalmente, quindi in una metà l’emisfero destro e nell’altra il sinistro, in un luogo mi ritrovi poeta e sognatore muto e nell’altro razionale e logorroico petulante? Che sia una fregatura l’ubiquità? Mi gratto la nuca, perplesso. Certo quel buco mi inquieta. Ma forse la mia mente, in quei dieci secondi, aveva solo bisogno di riposare, e per farlo si è spenta un attimo. A leggere questo delirio non le si può dare torto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in delirio. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Delirio del venerdi

  1. ezraz751 ha detto:

    per quanto mi riguarda, benché l’ubiquità sia di per sè una bella ipotesi, faccio già fatica a stare in un luogo per volta!

  2. eilidh ha detto:

    Perchè rinunciare alla possibilità di lasciare il corpo alla routine a volte inaccettabile per trasferirsi con la mente in posti più piacevoli ed appaganti…?
    Buon fine settimana tutto intero ;-))

  3. Paolopaoli ha detto:

    in quei dieci secondi la tua mente ha pensato a questo post. 🙂

  4. daniela ha detto:

    Fatto un sonnellino’ Anche la mia mente ogni tanto vaga… a volte succede quando sto ascoltando qualcuno che parla parla parla… in quel caso il buco è molto grave… perché prima o poi l’altro si attende una risposta che non sia uno sbarrare d’occhi e sbatter di ciglia….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...