Delirio del venerdi

DELIRIO DEL VENERDI

Ho visto la lepre attraversare rapida la strada e poi veloce ma senza fretta immettersi nella vecchia vigna, una di quelle di una volta, quelle che puoi camminarci sotto senza doverti chinare. Anche le vigne hanno subito l’onta della meccanizzazione. Ora sono basse, vicine, ed i loro frutti sono preda della tecnologia e non di mani amorevoli. Io mi ricordo di altri tempi, di passeggiate in campagna con i miei tre cani di allora, anzi, tre cane, le ragazze. Avverto una nostalgia struggente a quel pensiero, a loro scodinzolanti che mi precedevano, ma che rapide tornavano alle mie carezze al primo richiamo. Forse è vero che invecchiare significa struggersi nella nostalgia. Ma probabilmente non è un processo determinato dall’età. La nostalgia non è vietata ai minori. Semplicemente più passano gli anni, e più, si spera, aumentano i ricordi. E statisticamente diventa più facile struggersi. Oggi tra l’altro, scrivendo ad una amica, ho ricordato in maniera veramente intensa quella sorta di euforia che mi prendeva alla fine della scuola, quando si spalancava l’estate anarchica. Per qualche istante mi sono immedesimato nel ragazzino di allora, e sono riuscito a rivivere quelle sensazioni euforiche. Non pensavo di essere in grado di compiere un simile esercizio. Questo fatto apre enormi prospettive, che in quegli attimi sentivo la pura gioia scorrermi nel sangue. Anche adesso riscrivendone, ho le labbra distese al sorriso, e l’impressione che l’aria sia più ricca d’ossigeno. Oddio, quanto a lanci della mente in avanti e indietro me la cavo egregiamente, ma forse questa volta mi sono dimenticato del cavo che solitamente si utilizza per rimanere ancorati alla realtà. Sono riuscito comunque a tornare indietro, per cui forse posso fare a meno del cavo, anche se sono consapevole che debba usare infinita prudenza. Si sa mai che non riesca più a ritornare (e chi se ne frega sto pensando adesso).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in delirio. Contrassegna il permalink.

14 risposte a Delirio del venerdi

  1. ezraz751 ha detto:

    quando dico a mio padre: -sento che sto invecchiando…-, lui mi risponde: -vedrai andando avanti…- e ridacchia!

  2. Francesca ha detto:

    Una sorta di “macchina del tempo attrezzata per le emozioni”, quella che riesce a farci rivivere con la vividezza del presente, momenti del passato. Non so quanti anni hai tu, io superati gli ‘anta da poco, sono vittima consapevole, o meglio sono io che la ricerco, di questa fantastica macchina 🙂
    Ho letto anche qualche post precedente, molto belli i tuoi deliri del venerdì.
    Mi prendo la libertà di metterti tra i preferiti, onde non perdermi i prossimi deliri. Posso, vero? :))

    • sysjena ha detto:

      ..qui si può tutto….anche insultare se qualche insulto lo merito….. 😉 magari con grazia…
      Io ho superato gli ‘anta due volte…ma quello è solo un dato anagrafico di poca importanza….almeno cerco disperatamente di minimizzarlo…
      Felice di averti a bordo…..tolgo l’ancora…. 🙂

  3. sisempre ha detto:

    mi hai fatto ricordare le parole di un mio maestro Junghiano, è l’immaginazione che ci tiene ancorati alla vita, anzi è proprio l’immaginazione che fa di noi animali senzienti e non meri riproduttori di specie adattati all’ambiente

    quindi … via di cesoie ….

    proprio ieri, passeggiavo con la figlia di un’amica quest’anno di maturità … attraverso le sue parole rivivevo il mio passaggio, sono passati più di trent’anni ma l’emozione è li … pronta per essere rivissuta per un istante

    meravigliosi istanti i ricordi

    credo che questo delirio, mi condurrà per lidi mnemonici interessanti …

    alla prossima settimana!!!

    • sysjena ha detto:

      …immaginazione…penso di averne tanta…ma sono consapevole che non è facile misurarla…ne ho comunque quanto basta per evitare di annoiarmi anche da solo…
      🙂

  4. giarina ha detto:

    infatti, sys. chissenefrega.

  5. Paolopaoli ha detto:

    ogni tanto si è tentati di tagliare quel cavo

  6. sysjena ha detto:

    ….se lo si fa bisogna farlo con un ricordo piacevole…altrimenti sono guai…
    🙂

  7. aaron ha detto:

    Im impressed, I must say. Really rarely do I encounter a blog thats both educative and entertaining, and let me tell you, you have hit the nail on the head. Your idea is outstanding; the issue is something that not enough people are speaking intelligently about. I am very happy that I stumbled across this in my search for something relating to this.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...