Archivi categoria: delirio

Delirio del Venerdi

DELIRIO DEL VENERDI Sono confuso oggi, perchè ho l’impressione di aver sognato sogni non miei. Mi rimangono frammenti vorticosi e questa strana consapevolezza di aver scambiato i sogni con un altro, o con un’altra. Ti svegli di continuo perchè avverti … Continua a leggere

Pubblicato in delirio | 12 commenti

Delirio del venerdi

DELIRIO DEL VENERDI Sprazzi di blu nel cielo, come se l’idea di un ritorno fosse santificata dalla presenza dell’astro da tanti giorni nascosto. Devo prenderlo come un segnale positivo? Eppure appropriarmi di casualità meteorologiche mi pare presuntuoso. Ma mi fanno … Continua a leggere

Pubblicato in delirio | 10 commenti

Delirio del Venerdi

DELIRIO DEL VENERDI Il rapace scende veloce ed agguanta qualcosa tra l’erba, probabilmente un topolino uscito nel momento sbagliato. E’ l’unico segno vitale che incontro prima di entrare nel paese che si trova sulla mia strada per il lavoro. Poi … Continua a leggere

Pubblicato in delirio | 13 commenti

Delirio del Venerdi

DELIRIO DEL VENERDI Piove, piove forte. Stamattina la campagna che percorrevo in auto sembrava sospesa, come se ogni essere vivente si stesse riparando. Pensavo di saltare questo delirio, non ne ho voglia, ed odio dover fare, preferisco il voler fare. … Continua a leggere

Pubblicato in delirio | 6 commenti

Delirio del Venerdi

DELIRIO DEL VENERDI Disequilibrio, più per fonia disallineata che altro. Il grigio aiuta, che sono i colori a rendere più evidente lo squilibrio. Vista ed udito associati in un disagio? In effetti le sinergie dei sensi le scopriamo spesso con … Continua a leggere

Pubblicato in delirio | 5 commenti

Delirio del Venerdi

DELIRIO DEL VENERDI – Sei in ritardo. – Dici? – Cos’è…fai dell’ironia? – No, semmai tu sei troppo zelante, lo sai che fondamentalmente ho uno spirito anarchico. – Seeeee…anarchico, lo dici solo per sciccheria, non mi pare che tu abbia … Continua a leggere

Pubblicato in delirio | 2 commenti

Delirio del Venerdi

DELIRIO DEL VENERDI Osservo il tubicino trasparente posato sulla tastiera, il cappuccio nero. So che quel tubicino è di polistirolo e porta il nome tronco del fondatore della fabbrica. Chiamare la penna Bich sarebbe stato un po’ inopportuno, a causa … Continua a leggere

Pubblicato in delirio | 10 commenti