Archivi del mese: ottobre 2011

<strong><span style=”color: rgb(255, 0, 0);”>DELIRIO DEL VENERDI</span></strong><br /> Pescatore, la rete miseramente sempre vuota. Eppure bisogna rigettarla. E poi gettarla ancora, perch&egrave; non si pu&ograve; mollare. L'aria salmastra si insinua in ogni poro di pelle, in ogni fibra d'abito. E … Continua a leggere

Pubblicato in delirio | 5 commenti

VITE IMPOSSIBILI<br /> <br /> Il fuoco brucia lento,<br /> nascosto da una fredda attesa,<br /> come se volessi conservare<br /> quella fiamma in frigorifero.<br /> Il sogno corre veloce,<br /> nel tempo che indebitamente<br /> mi sono ritagliato davanti,<br … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 8 commenti

<strong><span style=”color: rgb(255, 0, 0);”>DELIRIO DEL VENERDI</span></strong><br /> Umbratile scivolo tra sguardi che neppure mi sfiorano. Talvolta riesco ad essere invisibile e silenzioso come un gatto, ma forse capita spesso. Ci sono giorni in cui ricerco gli sguardi degli altri, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti

E' morto un poeta, Andrea Zanzotto. Io lo so che la maggior parte della gente avr&agrave; detto &quot;ma chi &egrave; ?&quot;. Io non l'ho detto perch&egrave; l'avevo sentito nominare, solo questo, niente altro. Non avevo mai letto niente di lui, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Le prime brinate, il primo fuoco che arde nello stubotto, il primo odore di legna bruciata. La costernazione di qualche pianta che aveva creduto di essere stata trasferita nell'eden, ed aveva fiorito neanche fosse primavera. Due germani che volano convulsi, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti

<strong><span style=”color: rgb(255, 0, 0);”>DELIRIO DEL VENERDI</span></strong><br /> Camminavo a sud del confine, lasciando il fiume ad ovest del sole, quando vidi quel vecchio. Mi sorrise e mi disse &quot;Ascolta la canzone del vento&quot;. Lo guardai sorpreso e tesi le … Continua a leggere

Pubblicato in delirio | 9 commenti

Periodo d'attesa. Quanti oramai, diranno i fedelissimi. Ma capita di fermarsi, ed allora comincio ad osservare ci&ograve; che mi circonda con pi&ugrave; cura, assaporando ci&ograve; che gli occhi mi rimandano. Non che non lo faccia sempre, ma attendendo ho pi&ugrave; … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti